E’ ARRIVATA LA CASSETTA DEI FERRI. POST PER GLI STUDENTI DELLA 2MA, 2MB, 2MC

spinner fidget

Benvenuti! Qui trovate la “cassetta dei ferri” per affrontare serenamente le esercitazioni CAD, programmate nell’anno scolastico in corso.

Vi rammento che le esercitazioni sono individuali, e al termine di ciascuna di esse abbiate cura di segnalare la conclusione e di salvare il file sulla pen drive “ufficiale”. Non copiate i file. Il plagio è reato!

Le esercitazioni sono state organizzate nel quaderno secondo un livello di difficoltà crescente. Ma non preoccupatevi! Per ciascuna di esse svolgeremo una lezione guidata e, poi, toccherà a voi procedere individualmente o con l’aiuto del compagno di workstation. Prestate attenzione e preoccupatevi di annotare sul quaderno appunti e note che vi possono tornare utili a casa, quando studiate individualmente.

Al termine di ogni esercitazione con il CAD 2D procederemo in modalità “lezione guidata” per la realizzazione del modello 3D, e, qualche volta stamperemo l’oggetto in 3D.

Se ci sono problemi non esitate a chiedere chiarimenti.

Buon lavoro!

  • Per scaricare il quaderno delle esercitazioni cliccare sul seguente link: QUADERNO ESERCITAZIONI CAD 2D 2017 – 2018 (f.to PDF, peso del file 7,99 MB)
  • Per cimentarsi con il CAD e seguire una videolezione cliccare sul seguente link: VIDEOLEZIONE ESERCITAZIONE N. 1 (Attenzione! Le dimensioni dell’oggetto realizzato nella videolezione non corrispondono a quelle inserite nell’esercitazione n. 1 del quaderno 2017 2018)
  • Per scaricare AutoCAD (versione full – studente) ed installare il software sul proprio computer, collegarsi e registrarsi al seguente sito: SITO AUTODESK EDUCATION

LA MECCANICA AL SERVIZIO DELLO SPORT: CICLO DI LAVORAZIONE DI UN SUPPORTO TENDIRETE PER TAVOLO DA PING PONG

morsetto_3DQuesto post è rivolto alle studentesse ed agli studenti della 4^MA che dovranno cimentarsi singolarmente ed in gruppo in un percorso esercitativo per la progettazione e la successiva realizzazione del prototipo di un morsetto destinato a tendere la rete di un tavolo da ping pong.

L’esercitazione si svolgerà in aula, nel laboratorio CAD e, successivamente nella fase di realizzazione del prototipo, nel reparto Officina Macchine Utensili. Essa si svilupperà simulando una realta aziendale “tipo”.

Per questo, prima di avviare le attività, è opportuno fissare alcuni vincoli che vengono di seguito indicati nella relativa richiesta di progettazione e produzione:

“Un’azienda meccanica di modeste dimensioni, a fronte di una eventuale commessa, deve attivarsi per predisporre un preventivo di costo richiesto dal cliente. L’oggetto della produzione è un supporto con morsetto a vite destinato a sostenere la rete per un tavolo da ping pong. Il materiale indicato e/o prescelto è l’acciaio comune. E’ previsto un trattamento finale di verniciatura delle parti a vista del dispositivo che non deve mostrare rischi o pericoli per gli utenti e per gli atleti durante l’attività sportiva. La quantità della produzione è di 100 unità, ripetibili a piccoli lotti nel tempo.

Il dispositivo dovrà avere le seguenti caratteristiche:tavolo_ping_pong

  • Ingombro max = 250 (L) x 280 (H) mm;
  • Gambo filettato per la movimentazione della ganascia = M10;
  • Protezione delle parti a vista.”

A fronte della predetta richiesta gli studenti, raggrupati per funzioni, dovranno attivarsi per:

  • Preparare delle bozze di progettazione con diverse soluzioni;
  • Scegliere la soluzione fattibile ed eseguire i disegni di fabbricazione (esecutivi);
  • Eseguire il modello digitale in 3D;
  • Eseguire il ciclo di lavorazione per l’intero dispositivo e redigere il fascicolo tecnico che raccoglierà tutta la documentazione;
  • Elaborare il foglio delle istruzioni;
  • Realizzare il prototipo del dispositivo;
  • Collaudo, verniciatura e consegna del prototipo al docente di Scienze Motorie.

Risorse per la fase progettuale. Per ottenerle è sufficiente effettuare il download dei file chiusi in formato PDF cliccando sui seguenti link:

Scheda introduttiva all’esercitazione

Fascicolo tecnico del progetto

Disegno di assieme della soluzione scelta

Disegno esecutivo corpo a “C”

Disegno esecutivo ganascia

Disegno esecutivo piattello

Disegno esecutivo perno filettato

ATTENZIONE. Nei disegni sono stati inseriti volutamente alcuni errori e/o sviste per sviluppare lo spirito critico del lettore e dello studente nella fase progettuale, nella verifica e validazione della soluzione adottata prima di passare alla fase esecutiva per la realizzazione del prototipo in laboratorio officine macchine utensili.

STUDIO DI FABBRICAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI UNA VITE DI PRESSIONE CON CORPO ESAGONALE

vite_di_pressione_esagonaleQuesta esercitazione viene proposta agli studenti delle quinte. Riguarda lo studio di fabbricazione di una vite di pressione avente il corpo esagonale ed una estremità zigrinata.

Naturalmente, nella parte applicativa  si procederà con lo studio di fabbricazione che verrà avviato inizialmente attraverso un’analisi morfologicica del pezzo da fabbricare, per una scelta ottimale delle fasi di lavorazione del manufatto e per la determinazione del costo di produzione.

– Per scaricare lo studio di fabbricazione del ciclo (1) cliccare sul seguente link: studio di fabbricazione di una vite di pressione

– Per scaricare il disegno esecutivo cliccare sul seguente link: disegno esecutivo vite di pressione

– Per scaricare il cartellino di lavorazione cliccare sul seguente link:

 

(1) il ciclo che viene allegato risulta elaborato parzialmente.

PROGETTAZIONE DI UN ALBERO DI TRASMISSIONE

aIn questo post viene analizzato e risolto il problema proposto alla seconda prova scritta di disegno dell’esame di Stato 2013 negli Istituti Tecnici Industriali ad indirizzo meccanico.

Il problema pone il tema della progettazione meccanica di un albero di trasmissione interposto tra un motore elettrico ed un ventilatore.

Gli alberi nelle macchine sono organi destinati a trasmettere un dato momento torcente massimo a un determinato numero di giri e sono, per questo, sottoposti a torsione e più generalmente a torso-flessione.

Gli elaborati sono scaricabili attraverso i seguenti link:

IL CONTROLLO NUMERICO*

Questo post apre il tema del controllo numerico come sistema di lavorazione o di misura nell’ambito manifatturiero.

La moderna tecnologia a controllo numerico rappresenta un sistema di lavorazione composto da due parti essenziali:

La macchina utensile che lavora il pezzo (o la macchina di misura se si deve misurare il pezzo);

L’unità di governo (Controller, computer industriale dedicato al sistema NC) che controlla la macchina e l’intero processo di lavorazione automatica.

Tale tecnologia è frequentemente indicata con l’acronimo CNC (Computer Numerical Control) che tradotto in italiano significa controllo numerico computerizzato, oppure in modo abbreviato con NC (Numerical Control).

Lo scopo precipuo di un CNC consiste nel controllare i movimenti degli assi di una macchina utensile o di una macchina di misura. Per questo, occorre redigere un programma utilizzando uno specifico linguaggio standardizzato, e dopo aver trasferito il programma nell’unità di governo del sistema CNC,
è possibile avviare la macchina utensile che eseguirà automaticamente le lavorazioni così come sono state programmate.

La prima applicazione del controllo numerico risale al 1947, quando il costruttore statunitense di macchine John T. Parsons ideò e costruì una macchina capace di misurare i punti in successione delle pale di un elicottero per la Sikosky Aircraft. Questa operazione, molto complessa, venne apprezzata dal Governo degli USA che ne finanziò lo sviluppo ed il miglioramento. Negli anni che seguirono il prototipo di Parsons venne perfezionato nel MIT e adottato dalla IBM. A partire dal 1957 vennero prodotte ed installate le prime macchine NC. Sulla scorta delle prime applicazioni del controllo numerico anche la Olivetti iniziò lo sviluppo di tale tecnologia che trovò le prime applicazioni industriali a partire dal 1959.

Qui di seguito vengono inseriti i link attraverso cui gli studenti delle classi quinte possono scaricare il materiale di studio sul CNC. Inoltre, durante le esercitazioni di programmazione del controllo numerico si ricorrerà all’uso del software libero CNC PRO Simulator, ottimo per simulare i percorsi utensile  su tornio, fresatrice, pantografo per taglio, e verificarne l’esattezza.

MATERIALE DI STUDIO SUL CNC:

1) introduzione al controllo numerico (per scaricare il file cliccare col tasto destro del mouse e selezionare salva destinazione col nome…)

2) i principi del controllo numerico

3) anatomia di una macchina CNC

4) la programmazione CNC

5) poster di una macchina CNC  (per scaricare il file cliccare col tasto destro del mouse e selezionare salva destinazione col nome…)

SOFTWARE DIDATTICO:

CNC SIMULATOR   R. 4.5, software libero prodotto dalla Bulldog digital Technologies inc.

Attenzione! Il software è in inglese.  La software house che lo ha sviluppato raccomanda di installare il programma solo su PC con sistemi operativi XP/VISTA/SEVEN/… e processore Intel Pentium. Il software non è compatibile nè con MacOS, nè con Linux.

CNC SIMULATOR (cliccare sul link, accettare le condizioni di licenza spuntando il quadratino in basso alla licenza ed eseguire il download cliccando sul bottone disposto in basso e seguendo la procedura indicata)

TUTORIAL :

1) programmazione CNC di un perno con gradini  23, 4 MB (per scaricare il file cliccare col tasto destro del mouse e selezionare salva destinazione col nome…)

* l’immagine inserita nel post è quella del progetto di una macchina a CN ideata da Parsons, e disponibile sul sito USA della Casa Bianca